Pasquale Caterisano Blog

Dico la mia spesso e volentieri

Month: ottobre 2006 (page 1 of 6)

Da cesso a figa

[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=fZoyfhG0Wwk]
Miracoli di Photoshop!

Il 99% degli italiani utilizza la televisione come fonte di informazione

Di Antonio Genna:
Leggendo il numero 538 di questa settimana del settimanale “Specchio” del quotidiano La Stampa, mi ha colpito l’articolo di copertina che si propone di fare una radiografia dell’Italia in 100 numeri, tramite statistiche percentuali (fornite dall’Istat e da altri istituti di ricerca) riguardanti per lo più l’ultimo triennio. Dandoci un’occhiata si scoprono davvero parecchie curiosità: ne riporto di seguito alcune che ho scelto tra i 100 dati pubblicati nell’articolo.

Specchio - Italiani al 100%
L’1% degli italiani vive in una famiglia in cui lavora soltanto la donna.
Il 4% non sa cos’è Internet.
Il 6% legge almeno un libro al mese.
Il 10% dorme almeno cinque ore per notte.
Il 13% è povero.
Il 14% sostiene che la convivenza è migliore del matrimonio.
Il 17% soffre di depressione.
Il 19% vive in affitto.

Il 23% considera la religione fondamentale per la propria vita.
Il 26% fuma.
Il 27% possiede una fotocamera digitale.
Il 28% prenota le vacanze su Internet.
Il 31% si sposa con rito civile.
Il 32% usa il coito interrotto come mezzo preferito per evitare gravidanze indesiderate.
Il 33% è sovrappeso.
Il 34% usa ancora il dialetto in famiglia.
Il 37% in estate non va in ferie.
Il 39% non mangia frutta e verdura almeno una volta al giorno.
Il 40% non fa alcuna attività fisica durante il tempo libero.
Il 43% controlla ogni cinque minuti il livello di ricezione del proprio cellulare.
Il 44% non legge alcun quotidiano.
Il 45% non beve acqua del rubinetto.
Il 48% non riesce a risparmiare.
Il 50% si dichiara soddisfatto della propria esperienza negli ospedali.
Il 53% dona soldi per la ricerca o per cause sociali.
Il 54% usa di meno l’automobile a causa del prezzo della benzina.
Il 55% sa che è un reato scaricare illegalmente musica da Internet, ma lo fa comunque.
Il 56% non ha mai letto libri nell’ultimo anno.
Il 59% è un “analfabeta informatico” secondo l’Unione Europea.
Il 60% usa l’automobile per andare in ferie.
Il 63% dice di ricordare molto bene il proprio primo bacio.
Il 64% considera l’embrione un essere umano.
Il 66% non ritiene sicuri i pagamenti via Internet.
Il 67% crede negli angeli.
Il 68% è favorevole alla donazione di organi.
Il 72% è contrario alla presenza di testate nucleari in Europa.
Il 75% legge l’oroscopo.
Il 79% consuma almeno uno dei pasti quotidiani in famiglia.
L’80% vive in una casa di proprietà.
L’81% beve caffè al mattino.
L’87% di chi fuma è però favorevole ai divieti di fumo.
L’89% preferisce, per la sua auto, un colore metallizzato.
Il 90% è contrario alla clonazione per fini riproduttivi.
Il 93% sceglie la scuola pubblica per i propri figli.
Il 94% è favorevole alla raccolta differenziata per i rifiuti.
Il 95% è battezzato.
Il 96% chiede una maggiore presenza della polizia sul territorio.
Il 99% utilizza la televisione come fonte di informazione.
Il 100% legge statistiche sugli italiani, quando capita l’occasione.
Posted by Antoniogenna

Free hugs again: l'abbracciatore milanese

[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=jkLbulejwao]
Thanks to K. per la segnalazione!
Trovo questa cosa degli abbracci in regalo, meravigliosa, al limite della commozione.
Propongo la creazione di un movimento italiano “virale” di opinione attraverso internet: gli abbracciatori gratuiti che regalano un attimo di gioia ed un sorriso alla gente. Immaginate miriadi di abbracciatori gratuiti nei reparti di malati terminali nei centri tumori, immaginate decine di abbracciatori gratuiti d’inverno in stazione centrale in mezzo agli emarginati, immaginate 10 secondi di umanità in un mondo perverso come questo.
Tutto ciò sarebbe bellissimo!!!! miglioreremmo un pochettino il nostro mondo e noi stessi.
Così come hanno già fatto alcuni amici americani e di altre parti delmondo

Google ci da Pagerank™ Cinque!!!

WOWWWW!!!! (tradotto in italiano con babelfish: “guau” sta ad indicare uno stato di gioia misto a sorpresa!)

Sono strafelice: ormai con questo Blog viaggiamo alla media di circa 1.200 visite al giorno con punte talvolta di quasi 3.000 ed allora Google ha deciso di darci ranking 5 su 10 tramite il suo strumento di misurazione della popolarità e dell’indicizzazione dei siti sul web, chiamato appunto “Pagerank®”
Cinque su dieci significa che iniziamo ad essere abbastanza importanti se pensate che beppegrillo.it ha 6/10 e repubblica.it ha 8/10!
GRAZIE A TUTTI!!!!!!

Perchè Di Pietro mi convince sempre di più

Perchè porta avanti battaglie che da sempre sono bagaglio di noi Repubblicani, perchè come noi è iscritto all ‘eldr, perchè c’è da sempre simpatia, perchè mi ha scritto per ringraziarmi di un post su di lui, perchè è puro e terrone come me e molisano come mio zio.

L’abolizione delle Province

Di Antonio Di Pietro

Il risanamento dei conti pubblici dipende da due fattori: entrate e uscite. Ieri ho affrontato il primo punto, quello delle entrate, con una proposta per la lotta all’evasione che, lo ricordo, ci costa 200 miliardi di euro di mancata contribuzione ogni anno.
Il secondo punto è la riduzione dei costi della Pubblica amministrazione e una sua maggiore efficienza. I risparmi si possono ottenere, da subito, attraverso molte azioni che l’Italia dei Valori cercherà di fare attuare con specifiche proposte di legge.
La prima di queste è l’abolizione delle Province, spesso serbatoi di voti per i partiti e null’altro, e l’accorpamento dei piccoli Comuni, almeno fino a raggiungere il numero di 5.000 abitanti. Oggi i Comuni sotto i 5.000 abitanti sono ben 5.835, la maggior parte in Piemonte e in Lombardia, su un totale di 8.101.
La struttura attuale di Stato-Regione-Provincia-Comune con l’aggiunta delle Comunità Montane è costosa e macchinosa e quindi lenta nell’attuare decisioni anche importanti per i cittadini. Le competenze delle Province possono essere attribuite agli altri enti. L’eccessivo frazionamento dei Comuni non consente una politica coordinata del territorio e moltiplica i costi di sindaci, consiglieri comunali, assessori, impiegati comunali e degli stessi edifici pubblici.

Michael J. Fox deriso per la sua malattia da un candidato al senato dei repubblicani americani

Un patetico collega di George W. Bush, come lui Teocon e come lui conservatore, (alla stregua del suo amico italiano Silvio Berlusconi) ha attaccato l’attore Michael J. Fox (Ritorno al futuro, casa Keaton, Hamburger Hill) per la sua campagna a favore dei democratici in vista delle prossime elezioni di medio termine per il parlamento americano. J. Fox, che è affetto da morbo di Parkinson, nello spot stigmatizzava il fatto che l’amministrazione Bush poco aveva fatto negli anni precedenti per coloro che sono affetti da questa malattia. Per tutta risposta il “Calderoli americano” lo ha deriso pubblicamente imitandone i tremori che J.Fox ha come conseguenza della sua devastante infermità. I nostri complimenti al borghezio a stelle e strisce. La merda come vedete, è transnazionale.
[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=2lXs6xyHMOg]
Continue reading

Fiat Nuova Bravo video ufficiale

[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=ymQHWrgUEFc]

Diliberto il pacifista Kamikaze


“Al Billionaire…imbottito di tritolo” risponde così il pacifista Oliviero Diliberto alla domanda di Daria Bignardi se “preferisse andare a Villa Certosa o al Billionaire”. Un’idiozia che può scappare al bar o al centro sociale, ma che esca dalla bocca di un autorevole esponente della maggioranza di governo, lascia sgomenti. Il compagno Diliberto non è nuovo ad affermazioni così raccapricianti: commentando un incontro tra Silvio Berlusconi e George Bush, disse che «sono andati a stringersi mani grondanti di sangue», durante una visita al suo amico Fidel disse che a Cuba «vige una democrazia applicata in forme diverse rispetto a quella occidentale» dimenticando la realtà di un paese che nega i più elementari diritti civili ai suoi cittadini. Sempre lui, da ministro della giustizia, fù l’artefice del rimpatrio della terrorista Baraldini in cambio del silenzio italiano sulla strage del Cermis. Questa volta però, il maggior rappresentante italiano dell’odio di classe anticapitalista, ha superato se stesso.
From: Cosacco

 

Nuovo logo Fiat

Debutterà sulla nuova Bravo

Fiat Bravo: foto ufficiali



Older posts