Pasquale Caterisano Blog

Dico la mia spesso e volentieri

Calcio libero in Rete: Coolstreaming chiuso!


In principio fu Napster. Chiuso su denuncia della Siae americana. Napster è stato il primo concetto di “condivisione” a gratis sulla Rete. La Rete è anarchica e Libera, la Rete si muove senza strutture e preconcetti. La Rete aveva “aggirato” legalmente l’arroganza dei ricchi e potenti. Sulla rete si potevano (possono!) vedere le partite di calcio senza pagare, ovvero collegandosi a quei siti che trasmettono in chiaro avendo pagato i diritti per farlo. Vi erano due siti che davano questo servizio semplicemente riproponendo il segnale che veniva dalle tv online che trasmettono liberamente. Su denuncia di SKY la GDF ha chiuso questi siti e denunciati i gestori. (chissà con quale ipotesi di reato, siamo curiosi di sapere come andrà a finire la causa, azzardiamo un’ipotesi: non ci sarà nessuna condanna.) Un tentativo di minare la libertà in rete. Ma la rete è libera ed il calcio online pure!
UPDATE: Come da noi ampiamente previsto, coolstreaming è stato riaperto. La libertà vince, la rete è sovrana! Di seguito alcuni consigli gratuiti:
Visualizzatore in streaming di TV cinesi
Programma P2P ritrasmettitore di segnale TV

Elenco siti con link allo streaming delle partite online

5 Comments

  1. In principio ancora fu Arpanet da dove è nata Internet (per scopi militari): quando ancora in Italia il fenomeno non era diffuso in rete c’era un comune senso della condivisione che partiva da illustri docenti universitario ed andava fino al ragazzo smanettone,il tutto ovviamente condito da legalità e da voglia di sapere. Credo che debbano prestare maggior attenzione ad altri (veri) reati presenti online e nella vita quotidiana: quelli fanno piu’ male che una partita di calcio. Grazie per avermi citato,vienimi a trovare ancora se ti va.
    Complimenti per il blog. See u.
    p.s. se nel grosso progetto ti avanzano dei soldi tienimi presente 😉

  2. UUhhmm bene!! di soldi non ne avanzano, ma necessitiamo di persone “smart”
    Grazie per avermelo ricordato, ti terrò presente.
    ^_*
    Il progetto parte nel 2008.

  3. Smart ?? Se intendi quelle che entrano in quella car avrei delle difficoltà,ma comunque…i joke.
    2008 ? Chissà cos’è…tienimi aggiornato,son curioso ora. See u. 🙂

  4. smart

    31 gennaio 2006 at 03:03

    premesso che lavoro su internet inteso sia come rete che come sviluppatore…..io mi chiedo questo…
    – ma considerato che non ce reato…
    – che la chiusura di quei due siti assolutamente in regola….e’ una bufala clamorosa gestita solo da interessi economici che guidano e detteranno i tempi del blocco degli stessi….che in realta’ dovrebbe durare due giorni al massimo……
    – che le p2p non sono attualmente vietate o illegali…e che sono una risorsa libera della rete…..
    ecc.ecc. ecc.
    ma io dico cosa vogliono??
    ripremesso che tanto io le cose le vedo lo stesso….
    – ma se io compro un dominio con estensione cinese…su server cinese…
    oppure americano su server americano….
    e ci metto un forum in italiano, o inglese, o tedesco..chemmefrega…..
    e ci linko il palinsetso delle p2p tv….
    fin qui niente di diverso da quello che faceva coolstreming…..
    ma io lo faccio risiedere all’ estero……
    in lingua estera… ecc…
    ma che cazz.. vogliono ……
    ma chi lo blocca e perche?
    ma vanno in cina a dirgli di bloccarmi il sito??
    ma non mi facciano ridere…… :-))

  5. Giusto per cominciare a far sentire la nostra voce di consumatori.. sarebbe bene ricordare ai provider come fanno a mantenersi.
    Su coolstreaming.us stiamo preparando una mail che ognuno di noi dovrà mandare al proprio provider al fine di impedire che si compia la censura del web.
    la mail in preparazione la trovate qui:
    http://www.coolstreaming.us/forum/showthread.php?t=14
    Grazie dello spazio concesso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *