Pasquale Caterisano Blog

Dico la mia spesso e volentieri

Category: Stranezze (page 1 of 3)

Il terzo segreto di satira: chi vota 5 stelle?

Scambio casa: istruzioni per l'uso – Il Fatto Quotidiano

Che la si consideri come la peggiore delle cose che poteva capitare, sia che, più idealmente, si riesca a vederla come una opportunità per far uscire fuori il potenziale inespresso di persone e di situazioni, la crisi economica è ormai una costante della nostra vita.
Influenza le scelte d’acquisto, orienta i consumi, ci spinge a vivere al risparmio, soprattutto su quello che consideriamo non strettamente necessario.
Il bene considerato primario, la casa (secondo l’ultima rilevazione Istat in Italia 7 famiglie su 10 vivono in case di proprietà), da sogno della vita e investimento sicuro – il famoso ‘mattone’- sembra essersi trasformato improvvisamente in una pesante zavorra, legata com’è a doppio filo con tutti i nuovi balzelli da pagare (vedere alle voci: Imu, bollette, tasse sui rifiuti).
Parlare di viaggi in questo scenario potrebbe forse apparire fuori luogo, lontano dalle possibilità che ciascuno di noi, anche quelli che qualche viaggio in più potevano permetterselo fino a solo pochi anni fa, si trova ad avere.
Eppure il viaggio è una delle poche cose che possiamo comprare e ci arricchisce davvero. E infatti i viaggi restano al primo posto tra le esperienze irrinunciabili di noi italiani, anche in tempo di crisi. E, non so dirti se spinti dall’ingegno o finalmente aperti a vedere cosa succede oltre le Alpi, anche noi italiani stiamo scoprendo nuove possibilità per trarre il massimo dalle risorse che abbiamo a disposizione, casa compresa.
Anche da noi è infatti (finalmente) esploso lo scambio casa, un modo economico, sociale e partecipativo di viaggiare, nato nei lontani anni ’50 in Europa, per iniziativa di un gruppo di insegnanti alla ricerca del modo per fare delle lunghe vacanze a budget ridotto, sfruttando la propria rete di amici in diversi Paesi.
A quell’epoca gli scambi casa avvenivano forse sul filo di lunghe telefonate, scambi di lettere, invio di fotografie di cui si doveva attendere la stampa per giorni, ma funzionavano e hanno portato oggi alla nascita di portali online per lo scambio casa tra viaggiatori o semplici vacanzieri.
Tu mi dai la tua casa a Parigi e vieni nella mia a Roma, con uno scambio reciproco gratuito. Nel budget di viaggio, il costo per l’alloggio è azzerato e si può risparmiare anche sul mangiare.
Non solo. La maggior parte dei servizi online di home exchange, o scambio casa, offrono anche altre possibilità: scambi di qualsiasi spazio (dai camper ai bungalow, dalle stanze nei castelli alla villa a Bali), scambi non simultanei, possibilità di affittare per brevi periodi dimore da sogno. E naturalmente di affittare anche per brevi periodi a nostra volta.
Certo, il nostro non è un vero cambiamento culturale, ma più una scelta dettata dalle contingenze che lasciano poche alternative, e per questo mi sembra quasi di percepire il tuo scetticismo e la tua paura di ritrovarti in una casa da incubo e di aver lasciato la tua a un’orda di barbari.
Rifletti un attimo: nel mondo, da decine di anni, le persone viaggiano risparmiando e ottimizzando le proprie risorse e lo scambio casa è un fenomeno in crescita, sempre più curato e garantito nei minimi dettagli dai portali internazionali che si occupano proprio di questo.
Per chi vuole lanciarsi in questa nuova esperienza e approfondire l’argomento, consiglio “Scambio casa. Istruzioni per l’uso”, una guida allo scambio casa scritta da una coppia italiana, Vanessa Strizzi e Andrea Villarin, edita nel 2011 da Quodlibet.
di Marta Coccoluto
via: Scambio casa: istruzioni per l’uso – Il Fatto Quotidiano.

Derinkuyu, l’antica città sotterranea costruita dagli antichi astronauti per proteggere l’umanità?

Da secoli si raccontano storie di grotte e tunnel nelle profondità della terra, passaggi sotterranei che conducono a regni di demoni e mostri. È possibile che queste leggende nascondano una sorprendente verità? Forse ci sono davvero luoghi misteriosi e inspiegabili sotto i nostri piedi, luoghi le cui origini potrebbero non essere di questo mondo.
Derinkuyu
La Cappadocia, nella Turchia orientale, è delimitata al nord dal Mar Nero e a sud dalla catena montuosa del Tauro.
Nel 1963, una semplice ristrutturazione nella città di Derinkuyu porta ad una scoperta straordinaria.

L’apertura della parete di una grotta, rivela un passaggio verso una città sotterranea, antica di migliaia di anni, ad oltre 85 metri di profondità.

Ci sono tredici piani che scendono sottoterra, con pozzi di ventilazione e circa quindicimila bocchette che portano l’aria anche ai livelli più profondi.

Per quanto incredibile, le camere rocciose scoperte potevano contenere circa 20 mila  persone tra uomini, donne e bambini. Ci sono perfino tracce di centri religiosi, magazzini, torchi per il vino e stalle per il bestiame.

Nei livelli sotterranei sono stati trovati sale da pranzo, cucine annerite dalla fuliggine, cantine, botteghe di alimentari, una scuola, numerose saloni e anche un bar.

Continue reading

La solita amara riflessione (ma stavolta la scrivo)

Ancora una volta, l’ennesima, sono costretto a sedermi dalla parte del torto, visto che dalla parte della ragione i posti sono stati di nuovo velocemente occupati.
Mi succede molto spesso, di solito con congruo anticipo rispetto ai fatti.
Siamo alle solite, ma ormai ci rido su.

I "contractors" americani dietro gli attacchi chimici a Damasco?


Mentre il presidente americano Obama cerca di ottenere un voto dal Congresso che giustifichi politicamente dinanzi al popolo americano ed all’opinione pubblica mondiale l’azione militare contro la Siria, spunta un’ennesima “soffiata” in rete che, se confermata, aprirebbe scenari davvero singolari su chi potrebbe avere utilizzato armi chimiche lo scorso 21 agosto in Siria.
Tutto parte da una serie di e-mail che un hacker avrebbe intercettato e rese pubbliche on-line, secondo la nuova moda resa celebre da Wikileaks. Si tratta dello scambio di comunicazioni fra un ex-ufficiale americano, il col. Anthony J. MacDonald, da pochissime settimane ritiratosi dal servizio attivo, ed un funzionario civile del Ministero della Difesa statunitense.
Proprio nelle ore immediatamente successive al tragico affaire che in Siria ha portato alla morte di molti civili innocenti, il funzionario Usa, Eugene Furst, il 22 agosto scorso si congratula con il colonnello del suo “più recente successo”, allegando per l’appunto il link all’articolo del Washington Post del 21 agosto che dà notizia appunto del terribile episodio che rischia oggi di provocare una nuova guerra in Medio Oriente.
Un’altro scambio di e-mail, forse ancora più inquietante, è poi quello tra la moglie del colonnello Usa, Jennifer, ed un’amica, Mary Shapiro, alla cui preoccupazione per quanto accaduto in Siria, la sig.ra MacDonald risponde così:
“Ciao Mary,
ho visto e mi sono spaventata molto. Ma Tony mi ha rassicurato. Mi ha detto che i ragazzi non sono stati colpiti, è stato fatto per le telecamere. Quindi non ti preoccupare, mia cara”.
Continue reading

Vieni avanti Fassino: Grillo fondi partito, vediamo quanto prende.

[youtube=http://youtu.be/BYtLXILmyhI]
via: Lungimirante Fassino: Grillo fondi partito, vediamo quanto prende. Perché non lo fa? – YouTube.

Il Candidato " Perduto "

Il Candidato ” Perduto “

Questo articolo e’ rivolto a tutti gli attivisti i simpatizzanti e ai semplici curiosi che ringrazio per l’interesse profuso nel leggerlo.
Per le elezioni regionali della lombardia la Provincia di Como doveva esprimere 5 candidati che facessero parte della lista regionale di 80,questi cinque venivano scelti da una sorta di ” primarie ” definite ” regionalie ” che si sono svolte on line sul portale del M5S dove gli iscritti e certificati votavano scegliendo fra una rosa di candidati che si erano presentati per la loro provincia di residenza . Per la provincia di Como questa lista era composta da 7 candidati nell’ordine.
1) Serpico Giovanna

2) Endrizzi Antonio

3) Casagrande Patrizia

                                                       4) Nicotra Angelo. 

Questi 4 tutti appartenenti al Meetup di Como e votati nell’ambito di un’assemblea tenutasi a Como dove sono risultati i piu’ votati dall’assemblea stessa , a onor del vero erano 5 ma uno non e’ stato ammesso in seguito per mancanza dei requisiti richiesti; fra una rosa di 11 candidature.

                                                       5) Patrini Marco Massimiliano

                                                       6) Caterisano Pasquale


                                                       7) Baragiola Elia


Questi 3 invece espressione del gruppo 5Stelle Cantu’ – Erba e proposti quali autocandidature percio’ non partecipanti , volutamente ; all’assemblea di Como.

Per correttezza d’informazione preciso che le autocandidature erano consentite dalle regole e nessun obbligo era dovuto nei riguardi di altri tipi di candidature espresse dai Meetup.

E’ necessario pero’ a questo punto un passo indietro per capire lo svolgimento dei fatti accaduti in seguito.

Nel mese di giugno 2012 nasceva il  5Stelle Cantu’-Erba che si manifestava in un gruppo Facebook e sceglieva in perfetta ottemperanza con il NON STATUTO del M5S, di operare indipendentemente sul territorio senza partecipare al Meetup di Como non volendo riconoscere a quest’ultimo nessuna investitura a carattere di competenza provinciale , non contemplata dal NON STATUTO.
Dal mese di settembre 2012 iniziava la diatriba fra i due gruppi sempre in merito a questo discorso di riconoscimento vero o presunto di questa scelta operata dal gruppo 5stelle Cantu’-Erba.

L’esito delle votazioni on-line sanciva che la lista dei 5 era composta dai 4 di Como , nell’ordine precedentemente citato , piu’ Patrini Marco Massimiliano quale 5 della lista. L’esito della votazione veniva pubblicato al giovedi’ sera , al sabato Patrini ,senza essere stato avvisato dai rappresentanti di lista , che fanno parte del Meetup di Como ; apprendeva leggendo l’atto separato ,ovvero la lista da presentare per la raccolta delle firme, sul Meetup regionale di essere stato escluso d’autorita’.

Alla richiesta di spiegazioni gli veniva risposto che per effetto della legge regionale sull’alternanza dei generi essendo la lista composta da Donna Uomo Donna Uomo , neon poteva entrare un altro uomo.

La soluzione per non perdere un candidato era che la prima della lista accettasse , come e’ stato fatto in altre provincie lombarde , di scendere al terzo posto e mandare un uomo al primo , si sottolinea che alle elezioni regionali non e’ contemplata la figura del ” capolista ” ma sono elettive in base al numero delle preferenze espresse.

Invece la prima della lista non ha voluto optare per questa soluzione rivendicando il suo diritto  a restare ” capolista ” in rispetto agli elettori che gli avevano dato la preferenza.

Nelle settimane successive in periodo di raccolta firme, la lista di Como che veniva presentata era di 4, ci sono stati vari interventi di attivisti di tutta la Lombardia che esortavano a  creare le prerogative per una lista di 5 candidati , vi sono stati anche due interventi della portavoce presidente regionale Silvana Carcano che rivendicava una lista di 80 e non di 79 candidati che avrebbe penalizzato tutto il movimento ; inoltre , considerando che erano già state raccolte firme , a fronte di revisione della lista le altre provincie lombarde si offrivano per partecipare ad una nuova raccolta firme presentando una nuova lista con 5 candidati. 

La prima della lista e tutto il Meetup di Como hanno tergiversato ” menando il can per l’aia” sino alla fine della raccolta firme raggiungendo cosi’ l’obiettivo che si erano prefissati dal principio. 


Mi permetto solo di aggiungere che la parola ” democrazia ” non è un cappello da usare a seconda delle necessità del momento , perciò se era democratico il rispetto dei votanti per la prima lo era anche per il quinto .

Inoltre sottolineo la mancanza di decisione da parte di Silvana Carcano che a mio vedere se veramente interessata ad avere 80 candidati doveva dimostrarsi più perentoria mettersi ” di traverso” , minacciare un ritiro della sua candidatura se non venivano attuate le sue indicazioni ; ma probabilmente visto la scadenza elettorale alle porte non ha avuto il coraggio e di fatto è come se avesse  autodelegittimato la carica da lei ricoperta.

Il ” candidato perduto ” unico rappresentante del M5S in lista per Cantù , seconda città della provincia di Como , vi ringrazia per l’attenzione e lascia a voi le opinioni personali in merito.

Marco Massimiliano Patrini

 
Il Candidato ” Perduto “.

Leonardo Da Vinci, le sue conoscenze gli furono "rivelate" da qualcuno?


Su History Channel, stanno mandando in questi giorni, un documentario dove si suppone che Leonardo Da Vinci potesse essere letteralmente scomparso per ben due anni. Si racconta di una sua scoperta di una strana grotta che allo stesso Genio toscano faceva paura e ne aveva scritto le caratteristiche inspiegabili in una nota a margine ai suoi innumerevoli lavori.
Lo stesso documentario lasciava poi supporre che potesse aver scoperto una porta spazio temporale dalla quale avrebbe dunque viaggiato nel tempo, teoria di certo fantascentifica (ma non troppo per la fisica dei quanti).
Nel documentario si evidenziava altresì la possibilità che Leonardo possa essere venuto addirittura in contatto con degli extraterrestri e li avrebbe in qualche modo anche dipinti nei suoi schizzi. Inoltre dopo questi due anni di sparizione, l’apporto del talento toscano alla cultura, ebbe una vera e propria accelerazione violenta . Sono di quel periodo difatti le invenzioni e gli studi più geniali oltre che la produzione in pianta di dettagliatissime mappe di città italiane. Quindi un’analisi delle più famose opere di Leonardo Da Vinci potrebbe mostrare una sconvolgente verità: l’artista possedeva delle conoscenze che gli erano state rivelate dagli alieni?
La teoria di Leonardo viaggiatore nel tempo non è certo nuovissima, così come non lo sono nemmeno le teorie che confermano che il genio toscano era ad uso nascondere il suo sapere superiore nelle sue opere a causa dell’ostracismo della chiesa cattolica e delle sue inquisizioni che portavano in quel tempo, chi non era allineato al loro ridicolo pensiero, a torture violente e morti atroci.
Di certo possiamo affermare che in tantissimi si sono occupati di Leonardo nel tempo ed altrettanti lo stanno continuando  fare oggi, perchè il mistero di cui è portatore è ancora ben al di la dall’essere stato svelato.
La mente più brillante dell’intero medioveo e del rinascimento, ci riserverà ancora tante sorprese in futuro. L’oscurantismo dei dogmatici e la negazione del progresso per mille anni da parte della chiesa cattolica, stanno per cadere una volta per tutte e Leonardo stesso rivelerà al pianeta le conoscenze delle quali gli esseri umani erano già in possesso centinaia e centinaia di anni fa. Conoscenze da sempre occultati per brama di potere e di dominio sul pianeta da parte di pochi che hanno incoronato se stessi come rappresentanti assoluti del bene e portatori dell’unica verità possibile, la loro, oscurantista e contro il progresso ed il bene di tutti.
 

Solidarietà a Luca Ceruti, consigliere comunale grillino a Como

Voglio esprimere la mia piena e totale solidarietà al consigliere comunale comasco Luca Ceruti, per le abnormi difficoltà alle quali la politica lo inchioda ormai quasi quotidianamente.
Ceruti raccoglie firme per il comitato del sole e per lunione popolare (UDC)
E’ di oggi la notizia che il funambolico Rapinese gliel’ha fatta sotto il naso e gli ha scippato la titolarità di uno dei temi più cari alla formazione politica a 5 stelle, della quale Ceruti dice di far parte, ovvero i tagli ai compensi degli amministratori pubblici, battaglia per la quale peraltro lo stesso Ceruti si sta impegnando moltissimo e da molto tempo in una fantomatica raccolta firme di un comitato emanazione di liste di destra; errore il suo come di altri, che ha suscitato non poche polemiche all’interno del dibattito nel MoVimento di Beppe Grillo, ma che da ormai un paio di settimane sembra acclarato che è stato un equivoco nel quale molti grullini sono caduti, ma fortunatamente dopo le spiegazioni, si sono ricreduti, tutti o quasi, tutti meno che Ceruti ed il suo gruppetto di irriducibili, che nonostante i mille avvertimenti piovuti da ogni dove, continuano cocciutamente nella loro raccolta a favore delle liste destrorse.
In aggiunta a tutto questo, vi è stata, ancora ieri, a detta de La Provincia (nel formato cartaceo, ma qui vi è un link online della polemica) un intervista dove il Ceruti ha appoggiato in tutto e per tutto la linea politica delle dichiarazioni di PDL-LEGA-Gaddi e compagnia bella, contro il Sindaco Lucini colpevole di non aver voluto “festeggiare” un evento creato dalla vecchia amministrazione comunale sprecona.
Due endorsement alla destra…ma non era un MoVimentista a 5 stelle o forse si è confuso con uno del Partito 5 stelle
Povero Ceruti, magari non si aspettava una tale difficoltà a maneggiare con le cose della politica vera, una roba è stilare quattro parole ed una lista di buoni intenti scopiazzata chissà dove (probabilmente è sua consuetudine copiare senza citare la fonte) , altra cosa è applicare poi questi dettami alla politica vera e di ogni giorno, pertanto solidarietà a lui per le melme nelle quali è impantanato e ad anche altrettanta e forse anche di più, agli elettori comaschi che inconsapevolmente lo hanno votato.
Pasquale Caterisano – MoVimento 5 Stelle  

"Debunking Teglio"

“Debunking Teglio: questa è l’incredibile chiave col quale il mio blog viene cercato e trovato in questi giorni dai motori di ricerca.
Me ne sono accorto controllando le statistiche nella sezione “top posts” e “termini ricercati nei motori” che presentavano un picco di visite per il mio articolo sui misteri di Teglio.
Evidentemente a molte persone iniziano ad interessare quelle che sono le indagini su palazzo Besta fatte da Riccardo Magnani nonostante i moltissimi tentativi di debunking e discredito professate dai soliti noti dogmatici cattolici, genuflessi al vaticano.
(Clicca quì per una visita virtuale a Palazzo Besta)

Older posts